• MERCATI

Il termine Mercati di Frontiera è comunemente utilizzato per descrivere i mercati finanziari più piccoli e meno accessibili, ma comunque “investibili”, dei Mercati Emergenti. Questi paesi si trovano in una fase iniziale di sviluppo economico e finanziario rispetto agli Emergenti tradizionali e sono caratterizzati da economie dinamiche e in rapida crescita

I Mercati di Frontiera offrono significativi vantaggi di diversificazione grazie al loro basso livello di integrazione con i mercati più sviluppati e grazie all’importanza degli elementi economici locali rispetto a quelli dell’economia globale. In termini di ottimizzazione di portafoglio, gli investitori orientati al lungo termine possono trarre vantaggio dall’inserimento dei Mercati di Frontiera nel portafoglio grazie alla loro bassa correlazione sia con i Mercati Sviluppati che con i Mercati Emergenti. Investire in una nuova asset class è un nuovo modo di diversificare. Gli investitori iniziano a considerare un certo grado di esposizione ai Mercati di Frontiera così come hanno fatto per i Mercati Emergenti una quindicina di anni fa.

Banor Capital Ltd – societa’ di Asset Management con sede a Londra e gestore di Aristea Sicav, utilizza i servizi e la ricerca sui Mercati di Frontiera di Kallisto Partners, implementata nel New Frontiers Equity Fund.

DocumentoData e dimensioneDownload
KALLISTO PRESENTAZIONE31 maggio 2018 | 1982,46 KB | pdfDOWNLOAD
KALLISTO STRATEGY FLYER31 maggio 2019 | 145,69 KB | pdfDOWNLOAD

MERCATI DI FRONTIERA

 Mercati di Frontiera   |   Resto del mondo

Source: UN, MSCI, WorldBank

world Placeholder
world

Economie influenzate principalmente da fattori locali e basso livello di integrazione con i mercati più sviluppati, fanno si che i Mercati di Frontiera rappresentino un nuovo modo di diversificazione del portafoglio.